● Formale rifiuto del voto

Adoro la democrazia e l’equilibrio [per ancora qualche tempo] e ringrazio Fernanda Vigagni per il suo post sul formale rifiuto del voto. Da non poco mi ritengo LR integerrimo e so bene di non aver bisogno di votare per scegliere i miei aguzzini. Ho letto il D.P.R. 361 più volte, pure i vecchi post di Valeria, ed ho sempre avuto il dubbio che la verbalizzazione di proteste e osservazioni fatte dai soggettoni all’interno del seggio siano fattispecie previste solo in merito ad eventuali problemi per l’esercizio del voto e non invece a ragioni di protesta politica magari da far verbalizzare sotto dettatura. Tra l’altro, la legge nonostante prescriva dove vanno messe le schede per l’elettore che si rifiuta di votare perché indugia nel seggio o crea turbativa al regolare svolgimento delle operazioni ecc. non dice dove vadano archiviate le schede così rifiutate. Immagino che i membri del seggio operino su ciò che è espressamente previsto e non certo su interpretazioni del momento, ed il fatto è che nel modulo verbale e nella norma non compare alcun riferimento al riguardo! Ad ogni modo, anche questa volta, come al solito in queste occasioni, ne approfitterò per indagare le fonti giuridiche al riguardo e mi riproporrò se scoverò degli aggiornamenti. Concludendo, nella sostanza, non che gliene freghi al LR -che idealmente non ha certo necessità di votare- ma, come ritenevo in gioventù, votare scheda bianca o scarabocchiarla oppure stare a casa non esime dalla responsabilità del risultato finale. Anzi, seppure la Procura indaghi la Sezione Elettorale in caso di sospette “poche” schede bianche vi è pur sempre il rischio che la scheda lasciata intonsa venga compilata da altri anche se per “trasformare” in voto occorre che tre scrutatori + un presidente di seggio siano disonesti… Ma questa è un’altra storia.

 

NORMATIVA >>>  http://elezioni.interno.it/contenuti/normativa/Circ_018_ServElet_06-04-2016.pdf

 

° ° °

 

Notifica di RIFIUTO DELLA SCHEDA ELETTORALE PER CITTADINI ITALIANI (non ancora Legali Rappresentanti) da Valeria Gentili

Preparare due copie della stessa, firmarle all’atto della consegna al PRESIDENTE DEL SEGGIO
quando chiamati al voto, presentare documento di riconoscimento, lasciare che lo scrutatore vi trovi sulla lista elettorale, vi porga matita e scheda che NON TOCCHERETE, chiedendo di notificare al Presidente del Seggio il vostro rifiuto scritto.
Dovete presentarlo SOLO a lui, è il solo che possa riceverlo e timbrare con la sua firma in calce per accettazione e che possa allegarlo ai registri elettorali
IMPORTANTE: Non intralciate le operazioni di voto
Se il Presidente è impegnato in altri affari, attendete fuori dal seggio, facendo passare avanti gli altri elettori dopo di voi e lasciando che lo scrutatore conservi il vostro documento e la vostra dichiarazione con la scheda sul suo tavolo
Ottenete una copia per voi, con firma e timbro del seggio e lasciate l’altra per le operazioni di registrazione del vostro rifiuto, che saranno fatte anche in tempi successivi.
Riprendete il vostro documento e lasciate il seggio
la vostra scheda non potrà essere manomessa e/o utilizzata in altro modo e sarà conservata presso il Viminale insieme alla vostra dichiarazione spontanea e al registro di voto anche in futuro.

SCARICA IL FORMAT PER CITTADINI ITALIANI QUI

 

° ° °

 

Notifica di RIFIUTO DELLA SCHEDA ELETTORALE (per Legali Rappresentanti) da Valeria Gentili

Preparare una copia della vostra LR e due copie della notifica di rifiuto, che sarà firmata all’atto della consegna al PRESIDENTE DEL SEGGIO
quando chiamati al voto, presentare il mandato di LR, lasciare che lo scrutatore vi trovi sulla lista elettorale, vi porga matita e scheda che NON TOCCHERETE, chiedendo di notificare al Presidente del Seggio il vostro rifiuto scritto.
Dovete presentarlo SOLO a lui, è il solo che possa riceverlo e timbrare con la sua firma in calce per accettazione e che possa allegarlo ai registri elettorali
IMPORTANTE: Non intralciate le operazioni di voto
Se il Presidente è impegnato in altri affari, attendete fuori dal seggio, facendo passare avanti gli altri elettori dopo di voi e lasciando che lo scrutatore conservi il vostro mandato in copia e la vostra dichiarazione con la scheda sul suo tavolo
Ottenete una copia per voi, con firma e timbro del seggio e lasciate l’altra per le operazioni di registrazione del vostro rifiuto, che saranno fatte anche in tempi successivi.
La vostra scheda elettorale non potrà essere manomessa e/o utilizzata in altro modo e sarà conservata presso il Viminale insieme alla vostra dichiarazione spontanea e al registro di voto anche in futuro.

SCARICA IL FORMAT PER LEGALI RAPPRESENTANTI QUI

 

° ° °

 

VOTAZIONI 4 MARZO 2018
(Ricopio il post di Fernanda Vignagni presente su Facebook)
Votare significa continuare a sostenere questo sistema marcio … TUTTI I PARTITI SONO MARCI … perché se non lo fossero stati … anche se piccoli e non al governo … AVREBBERO POTUTO E DOVUTO FARE ALMENO INFORMAZIONE SUI VERI PROBLEMI STRUTTURALI CHE IMPEDISCONO UNA NORMALIZZAZIONE E LEGALIZZAZIONE DI QUESTO SISTEMA DEVIATO … TUTTI MUTI …
quindi sia per cittadini che per LR … vale quanto segue
A TUTTI COLORO CHE NON VOTANO NON ANDANDO AL SEGGIO A VOTARE, OPPURE VOTANO SCHEDA BIANCA, O CON UNA GRANDE CROCE O CON PAROLACCE PERCHÈ NON AVETE NESSUNA FIDUCIA O NON SIETE RAPPRESENTATI DA NESSUNO …
SAPPIATE che in realtà, favorirete il partito con più voti, perché le schede verranno conteggiate ugualmente.
Vedere REGOLAMENTI PER IL CALCOLO DEL PREMIO DI MAGGIORANZA!!
LE SCHEDE BIANCHE OD ANNULLATE CON UNA ENORME CROCE NON NEGANO NULLA MA VENGONO CONTEGGIATE PER IL CALCOLO DEL PREMIO DI MAGGIORANZA, favorendo, indirettamente chi ha preso più voti.
Inoltre la scheda annullata verrà conteggiata per il rimborso elettorale ai partiti.
ABBIAMO UNA ARMA LEGALE E LETALE CONTRO QUESTA LEGGE INFAME! ECCO I RIFERIMENTI LEGALI!
Tutto si basa su un’ uso “PUNTIGLIOSO” della legge:
D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 – Art. 104….OMISSIS
Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel
processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000…..OMISSIS)
Illustro nei dettagli il sistema DA USARE, che è già stato indicato da altri:
ANDARE A VOTARE, PRESENTARSI CON I DOCUMENTI (CI o LR) + TESSERA ELETTORALE “SENZA PRENDERE IN MANO LA SCHEDA ELETTORALE”” ( perché prendere in mano la scheda significa accettare la votazione quindi dare il consenso e non poter più negare)
2) DIRE AL PRESIDENTE DEL SEGGIO ELETTORALE DURANTE LE VOTAZIONI DI VOLER ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA dicendo:
“Rifiuto la scheda perché non sono rappresentato da nessun politico e chiedo che sia verbalizzato!”
3) PRETENDERE CHE VENGA VERBALIZZATO IMMEDIATAMENTE IL RIFIUTO DELLA SCHEDA
4) ESERCITARE IL PROPRIO DIRITTO DI AGGIUGERE, IN CALCE AL VERBALE, UN COMMENTO CHE GIUSTIFICHI IL RIFIUTO D.P.R.30 marzo 1957, n. 361 – Art. 104, 5° capoverso)
COSI FACENDO NON VOTERETE, ED EVITERETE CHE IL IL VOTO NULLO O BIANCO, SIA CONTEGGIATO COME QUOTA PREMIO PER IL PARTITO CON PIU’ VOTI!!
Se facciamo così in tanti INTASEREMO I SEGGI, E L’INFORMAZIONE SERIA DOVRÀ PARLARNE!
Questa è la PRIMA AZIONE LEGALE e DI PROTESTA CONTRO LA LEGGE ELETTORALE!!!
Legge elettorale Rosatellum incostituzionale come il Porcellum … fatta da degli abusivi illegali … nel tentativo di ridare legalità a ciò che non ce l’ha più dal 2005 … e poter rimanere nella camera dei bottoni a finire l’opera di svendita è smantellamento della Nazione Italia e del suo popolo in termini di sovranità
FORZA!
QUESTA È LA RISPOSTA A QUESTO MARCIO SISTEMA POLITICO.
DOMANDATEVI COME MAI NESSUNO NE PARLA O LA PRENDE COME UNA POSSIBILITÀ DI REAZIONE !!! È UN’AZIONE DEVASTANTE PER IL SISTEMA E NESSUNO LA VUOLE NOMINARE.
Condividete perché il 90% degli italiani non conosce affatto questa possibilità cosi devastante, più saranno i contestatori maggiore sarà il danno che riceverà il sistema politico in ogni senso …
È SARÀ NECESSARIA UNA NUOVA COSTITUENTE …

 


 

()

MOVIMENTO ASTENSIONISTA POLITICO ITALIANO * ULTIMO AVVERTIMENTO PER CHI DENIGRA E OFFENDE L’ASTENSIONISMO ELETTORALE

http://www.movimentoastensionista.it/

Ultimo avvertimento per chi denigra e offende l’astensionismo elettorale. Il termine astensionismo racchiude tutte quelle forme di esercizio di voto che però non attribuiscono voto utile per alcun candidato, né per una forza politica o coalizione elettorale.

In esso sono comprese diverse tipologie di esercizio elettorale: affluenza alle urne, espressione di scheda bianca, nulla, non attribuibile, astensione motivata ai seggi.

Ognuna di queste forme rientra a pieno titolo nell’esercizio del diritto di voto degli elettori e, da questo punto di vista, la campagna elettorale per le elezioni politiche 2018 non si è affatto aperta sotto i migliori auspici.

Contro l’astensionismo hanno iniziato una spavalda e ripetuta kermesse addirittura le più alte cariche dello Stato, seguite a ruota dagli interventi di numerosi esponenti politici, ovviamente ripresi da tutti i mass media.

Continuare ad offendere gettando immotivato discredito a un diritto sancito dalla legge rappresenta non solo un modo rozzo e squallido nel favorire gli interessi di qualcuno, ma, nello stesso tempo, costituisce un attacco premeditato alla democrazia e ai principi fondamentali della Costituzione e dell’intera Repubblica.

Le gravi violazioni dei principi e reati individuati per la fattispecie dal Movimento Astensionista Politico Italiano (che per statuto non è un partito politico ma un movimento di opinione a tutela dei diritti di chi esercita l’astensionismo in ogni sua forma) sono:

articoli 1, 2, 3, 21, 48, 49, 54 della Costituzione, con l’aggiunta, da parte del Presidente della Repubblica, della violazione degli articoli 87, 90, 91.

Potrebbero altresì essere ravvisabili le violazioni:

dell’art. 290 del codice penale per il vilipendio verso una parte consistente del popolo italiano esercitante un diritto elettorale;

degli artt. 287 e 347 del codice penale per usurpazione di potere politico;

dell’art. 346 del codice penale per traffico di influenze;

degli artt. 97, 98, 100, 101 del DPR 30 marzo 1957 n. 361 e successive modifiche  (Testo Unico delle leggi elettorali);

della legge 25 giugno 1993, n. 205 (Legge Mancino) sulla discriminazione;

della legge 24 febbraio 2006, n.85.

Quanto descritto costituisce, oltre a turbativa del libero e democratico dibattito elettorale in prossimità di elezioni politiche, alterazione sostanziale e indotta degli assetti dei poteri legislativi, esecutivi ed istituzionali determinati da libere elezioni.

A fronte di tutto ciò, il Movimento Astensionista Politico Italiano avverte tutti gli attori della campagna elettorale appena iniziata che non saranno più tollerate affermazioni di discredito nei confronti dell’astensionismo politico-elettorale, e di chi intende esercitarlo nel pieno diritto e tutela delle leggi dello Stato.

https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/lancio-dagenzia/movimento-astensionista-politico-italiano-ultimo-avvertimento-denigra-offende-lastensionismo-elettorale/


AGGIORNAMENTO DEL 2 FEBBRAIO 2018

Gen. Micheli NO VOTO


AGGIORNAMENTO DEL 6 FEBBRAIO 2018

Come si vota il 4 marzo, for dummies

Com’è fatta la nuova scheda per le elezioni del 4 marzo, come si usa tra uninominale e proporzionale e come evitare che il proprio voto venga invalidato

Un facsimile della scheda elettorale (NiloGlock/Wikimedia)

Il prossimo 4 marzo 2018, poco più di due mesi dopo lo scioglimento delle camere, si voterà alle elezioni politiche per rinnovare i seggi del Parlamento: per la prima volta dopo più di dieci anni si useranno una nuova legge elettorale, una nuova scheda e un nuovo metodo per votare. Questa è una breve guida al nuovo sistema, una spiegazione di cosa succede a seconda di come votiamo e le cose da sapere per evitare di fare errori che potrebbero invalidare il nostro voto: con la premessa che questa legge è considerata molto complicata e faticosa da registrare nei suoi meccanismi. Se invece siete alla ricerca di un chiarimento più generale su come funziona la legge stessa, potete trovarlo qui.

Come è fatta la scheda?
Domenica 4 marzo riceverete una scheda elettorale per ciascuna camera, quindi una per la Camera e – se avete almeno 25 anni – una per il Senato. In Lombardia e nel Lazio gli elettori riceveranno anche una scheda per il voto alle regionali, ma qui parliamo solo delle politiche.

Il nuovo sistema elettorale – definito “Rosatellum” – ha introdotto un sistema misto, proporzionale e maggioritario, e prevede che il Parlamento venga eletto in due modi diversi ma collegati: un modo viene chiamato “uninominale” e un modo viene chiamato “proporzionale”.“Uninominale” vuol dire che in ogni collegio le coalizioni o i partiti candidano una sola persona, e chi prende più voti tra le persone candidate ottiene un seggio; “proporzionale” vuol dire che più seggi in un collegio vengono invece divisi in modo proporzionale ai voti presi dalle coalizioni o dai partiti. Circa un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto in confronti diretti nei collegi uninominali, e i restanti due terzi saranno eletti con sistema proporzionale.

Un fac-simile della scheda per il Rosatellum

Ogni scheda sarà divisa in un certo numero di aree separate tra loro, corrispondenti a ciascun partito o coalizione. I partiti infatti si possono presentare da soli o riuniti in coalizioni.

All’interno di ogni area ci sarà in testa uno spazio rettangolare con un unico nome: è il candidato scelto da ogni coalizione – o partito – nel collegio uninominale in cui risiediamo. Siccome all’uninominale ogni coalizione deve presentare un solo candidato, può capitare che nel vostro collegio non ci sia il candidato del vostro partito preferito, ma quello scelto dalla coalizione a cui appartiene. Esempio: se i partiti Rosso, Verde e Blu sono alleati in una coalizione, nel collegio di Roma sosterranno tutti insieme un candidato del partito per esempio Rosso, nel collegio di Milano uno del partito Blu, eccetera.

Sotto lo spazio rettangolare ci saranno una serie di caselle con un simbolo di partito e un certo numero di nomi, dai due ai quattro. Sono le singole liste dei candidati dei partiti che formano la coalizione, che a sua volta sostiene il candidato di cui sopra; i nomi sotto al simbolo sono i nomi dei candidati di quel partito nel collegio proporzionale.

Come si vota?
Si possono fare al massimo due segni sulla scheda: si può barrare il nome del candidato al collegio uninominale che preferiamo e poi scegliere una delle liste che lo appoggiano. Quindi i due segni devono essere fatti nella stessa area: non è possibile scegliere un candidato all’uninominale e un partito di una coalizione diversa da quella di quel candidato. Una volta scelto un candidato uninominale, è possibile scegliere solo e soltanto una delle liste che lo appoggiano. Se si sceglie una lista in un’altra coalizione, la scheda viene annullata. Ripetiamolo, per sicurezza: non c’è voto disgiunto, non si può votare un candidato di centrodestra e una lista di centrosinistra.

Altra cosa importante: non sono previste le preferenze. Si può votare una lista, ma non potete scegliere a quale candidato di quella lista dare il vostro voto: la lista dei nomi è solo un’informazione in più. Se alla scheda si aggiungono altri segni sui nomi dei candidati, si rischia di vedere il proprio voto annullato.

Se tracciate solo un segno su uno dei partiti – votando quindi per la parte proporzionale – il vostro voto sarà esteso anche al candidato sostenuto da quel partito al collegio uninominale. Se invece barrate soltanto la casella del candidato uninominale, la procedura sarà un po’ più complessa. I voti di questo tipo saranno infatti distribuiti tra le liste che appoggiano il candidato uninominale in proporzione alle preferenze ricevute dalle liste stesse. Quindi se una delle liste che formano la coalizione ha ricevuto il 30 per cento dei voti, riceverà anche il 30 per cento dei voti di chi non ha votato esplicitamente per nessuna lista di quella coalizione ma solo per il candidato uninominale relativo.

Cosa succede una volta votato?
Scegliendo un candidato all’uninominale – o anche solo una delle liste che lo appoggiano -, quel candidato riceverà quindi un voto all’interno di quel collegio. Al termine dello scrutinio, il candidato che ha ricevuto anche solo un voto più dei suoi avversari sarà eletto. Se insieme al candidato viene barrata anche la casella di una delle liste proporzionali che lo appoggiano, quella lista allora riceverà un voto (altrimenti vale il calcolo di distribuzione detto sopra). Su base nazionale, grossomodo, ogni lista eleggerà un numero di parlamentari proporzionale ai voti che ha ottenuto, ma come questi eletti saranno divisi nei collegi è materia complessa. I candidati della lista proporzionale saranno eletti nell’ordine in cui compaiono sulla scheda. La legge permette le candidature multiple: si potrà essere candidati in un seggio uninominale e in un massimo di cinque collegi proporzionali. In caso di elezione in più collegi il candidato si ritiene eletto nel collegio uninominale, oppure nel collegio proporzionale dove la sua lista ha ottenuto la percentuale minore di voti.

Riassumendo
– Si riceve una sola scheda per la Camera e una sola scheda per il Senato.

– Si può votare facendo un solo segno, oppure due, basta che entrambi i segni siano fatti nell’area della scheda che spetta a un’unica coalizione.

– È possibile votare un candidato all’uninominale e, con un secondo segno, scegliere una delle liste che lo appoggiano.

– Si può scegliere anche solo il candidato all’uninominale o solo una delle liste, ma il voto sarà comunque “trascinato” rispettivamente anche sulle liste o sul candidato.

– Non si può votare una lista diversa da quelle che appoggiano il candidato che abbiamo scelto.

Quindi, se volete votare una coalizione ma non vi piace il candidato che la coalizione ha presentato nel vostro collegio uninominale, l’unico modo che avete per non votarlo è rinunciare e votare un’altra coalizione.

Viceversa, se avete deciso di votare per un candidato ma non vi piace uno dei partiti che lo appoggiano, l’unico modo che avete per essere sicuri che il vostro voto non finisca a quel partito è fare due croci, esprimendo anche una scelta per un partito che non sia quello. Attenzione: deve essere parte della stessa coalizione, altrimenti il vostro voto sarà annullato (l’abbiamo già detto?). Infine, non si possono esprimere preferenze sui singoli candidati della lista proporzionale.

Soglie di sbarramento
Tutto questo procedimento, però, farà poca differenza se liste e candidati non supereranno la soglia di sbarramento. Per eleggere candidati nel proporzionale, una lista deve infatti ottenere almeno il 3 per cento dei voti su base nazionale, per la Camera; al Senato lo stesso, ma riceve seggi anche se – fallendo l’obiettivo del 3 per cento a livello nazionale – abbia ottenuto in una sola regione almeno il 20 per cento dei voti. La soglia per le coalizioni invece è del 10 per cento dei voti, a patto che almeno una delle liste che la compongono raggiunga il 3 per cento a livello nazionale. Se una lista che fa parte di una coalizione non riceve il 3 per cento a livello nazionale, non elegge nessun parlamentare: se ottiene però più dell’1 per cento, i voti che ha raccolto vengono distribuiti tra i suoi alleati.
Adesso potete rileggere l’articolo daccapo e vedere se la seconda volta va meglio.

Più approfondimenti >>> http://www.ilpost.it/2018/01/29/come-si-vota-rosatellum/

Annunci

● Andrebbe benissimo come discorso di fine anno

1.     Cosa sono i trattati internazionali?

2.     Come influiscono sulla nostra Costituzione?

3.     Sono essi stessi costituzionali?

4.     È vero che nei trattati europei esiste una disoccupazione strutturale, ovvero che non si persegue la piena occupazione ma anzi questa viene evitata da parametri come il Nairu (non-accelerating inflation rate of unemployment)?

5.     Come stanno destrutturando, disarticolando lo Stato?

6.     Cos’è il vincolo esterno e come fu che accettammo “il grande disonore di essere italiani”?

7.     Come ha avvantaggiato l’economia tedesca?

8.     Come vengono distorte le norme della nostra costituzione?

9.     La sovranità appartiene al popolo o, più finemente, appartiene al popolo-lavoratore?

10. E cosa intendevano i costituenti per “lavoratore”?

11. Qual è l’articolo più importante nella Costituzione?

12. Perché il famoso motto di Calamandrei “lo Stato siamo noi” oggi viene comunemente deriso?

13. Tutelare il benessere della propria comunità, e promuoverne il progresso, equivale ad essere protezionisti e guerrafondai?

14. È stato il nazionalismo a provocare i conflitti in Europa, oppure è stato l’imperialismo, cioè quel modello che si vuole imporre a tutti gli altri negando proprio l’individualità dei vicini?

15. Il liberoscambismo economico incentiva o disincentiva la stabilità politica tra i popoli?

16. È gestibile ipotizzare trasferimenti dai creditori (soprattutto la Germania) ai paesi periferici, o la disciplina dei trattati, per stessa imposizione dei tedeschi, prevede il divieto del bail-out e della solidarietà fiscale?

17. È praticabile la via politica della modifica dei trattati oppure è da escludersi in partenza?

18. La nostra Costituzione, basata sulla inclusione di tutte le classi sociali nel Governo, e basata sui lavoratori, consente tutto questo?

Questi solo alcuni dei temi toccati da Luciano Barra Caracciolo, magistrato e giurista del Consiglio di Stato, nella lunga intervista di Byoblu.

Nel 2018 ricorrono i 70 anni dall’emanazione della nostra Costituzione. Come dice Calamandrei, abbiamo forze esterne allo Stato – e superiori ad esso – che decidono sostituendosi alle istituzioni democratiche costituzionali. Questo è avere lo straniero in casa. Ribellarsi a questo, per chi soffre gli effetti di questo impoverimento, è a portata di mano ed è proprio l’auspicio che possiamo fare, ovvero rivendicare la legalità costituzionale.

http://www.raiplay.it/video/2017/12/Piigs-ca977e13-e24f-4dbe-acda-65f265d5959a.html

 

 

● Agli europei che credono ancora nella libertà

[Le nazioni europee dovrebbero essere condotte verso il super-stato senza che i popoli si rendano conto di ciò che sta accadendo.” Jean Monnet (ideologo dell’europa unita). Te capì?]

 

Potete dire quel che volete sulla storia dell’Europa, ma non potete negare che sia stata la culla della libertà per il mondo. Le principali battaglie ebbero luogo laggiù, fino a quando non emerse nettamente il concetto di libertà individuale. Poi, sulla scia delle due Guerre Mondiali prese piede lentamente un nuovo standard. Potreste chiamarlo ‘comfort’, ‘sicurezza’, ‘pace per tutti’, ‘condivisione ed assistenza’, ‘bella vita.’ Benché assoggettati alla dominante aliquota fiscale, i cittadini godevano dei ‘servizi’ forniti dai rispettivi governi. Molti servizi erano piacevoli. Perché no? Tutto andava bene.

Anche quando quei governi si riunirono sotto l’egida dell’Unione europea, la maggior parte dei cittadini dei paesi membri non ebbe alcunché da ridire, sempre a condizione che i famosi ‘servizi’ proseguissero ad essere erogati.

Tuttavia quel contratto base aveva una postilla: i governi nazionali ed i loro superiori dell’UE che formalmente ricoprivano il ruolo di Providers (fornitori di servizi – ndt), a loro discrezionalità potevano realizzare dei ‘giri di vite’ ed applicare nuove regole oppressive. E potevano – in caso di resistenza a quelle nuove regole – abbandonare il loro atteggiamento di benevolenza per assumere il ruolo di Enforcers (impositori di obblighi – ndt).

Nell’eventualità che tutto ciò fosse accaduto, che fine avrebbe fatto la famosa libertà individuale di cui sopra? Sarebbe semplicemente scomparsa.

Il giro di vite è stato realizzato consentendo che enormi masse di migranti entrassero in Europa. Un giro di vite autorizzato dai ‘superiori’ dei Providers. I crimini ed i problemi causati da questa massiccia immigrazione sono stati ben documentati dai media indipendenti. I cittadini europei non hanno avuto alcuna voce in capitolo sull’invasione. Al contrario, dissentire o discuterne in un forum pubblico è diventato politicamente scorretto.

I signori dei governi non hanno opposto resistenza. La fondamentale libertà d’espressione è colata a picco. In effetti, per anni in tutta Europa è stata condotta una vasta campagna di diffusione della correttezza politica. Ha coperto molte aree, grazie all’attivo supporto da parte della UE.

La ‘bella vita’ ha finito per incrinarsi nelle giunture. Non andava più tutto così bene. Il Provider stava diventando l’Enforcer. Ripensando al cambiamento, è diventato ovvio che fosse qualcosa di diverso rispetto alle aspettative. I Providers non erano affatto i messia dell’utopia socialista. Quella farsa era stata solo una tappa, una fase intermedia sul percorso di un’operazione molto più vasta.

Li rammollisci per qualche tempo, gli riempi la pancia di ‘servizi’, ed al momento opportuno, quando si cullano nell’auto-indulgenza, quando si sentono garantiti e protetti, quando hanno barattato la loro libertà per qualcosa di diverso che a prima vista sembra libertà, ecco che inizia il caos.

Giro di vite. Affermazione del controllo.

La struttura europea non è mai stata abbastanza estrema per i gusti di lorsignori. Dopotutto era solo una confederazione di nazioni distinte. L’operazione segreta era quella di fare dell’Europa un’unico popolo privo di tradizioni eterogenee, scremato da ogni caratteristico uso e costume nazionale. L’obiettivo era la creazione di un’entità continentale talmente piena di migranti da affievolire le differenze visibili, ed in più turbata da molti conflitti.

Per fare uno stufato, riscalda e mescola.

Così che alla fine del percorso sia rimossa perfino la memoria di come – ad un certo punto della Storia – siano stati proprio quei popoli a dare alla luce il concetto di libertà individuale. E completare l’opera rimuovendo la stessa idea di cosa si intenda per libertà individuale.

Si continuano ad accogliere immigrati che loro malgrado provengono da culture in cui il concetto di autentica libertà, con tutte le responsabilità individuali che ne conseguono, non riveste alcun significato. L’operazione è giunta a buon punto. I signori del governo non hanno mai perseguito alcuna utopia. Loro desiderano solo la sottomissione. Per molto tempo hanno usato il fioretto. Adesso hanno sguainato la sciabola.

Questa è la storia dell’Europa moderna che non viene insegnata nelle scuole. Le scuole vieterebbero persino che ne sia fatto un accenno. Quindi, la lotta ricomincia. Ha molte facce, alcune ideologiche, vale a dire incorporate in gruppi impegnati principalmente a preservare le identità nazionali ed etniche. Ma quanto tempo ci vorrà prima che l’individuo, definito dalla PROPRIA PERSONALE scelta e visione, torni ad emergere al di sopra dei gruppi?

L’originaria battaglia fu proprio quella: liberare ogni singolo individuo.

Non fu facile allora, e non lo sarà stavolta. Ma inizia tutto all’interno della mente. E non nella mente del gruppo. Di nessun gruppo.

Nel 1859, John Stuart Mill scrisse:

“Se si realizzasse che il libero sviluppo dell’individualità è uno degli elementi essenziali da cui scaturisce il benessere … non esisterebbe alcun pericolo di sottovalutazione della libertà individuale.”

Sfuggire dalla trappola che è diventata l’Europa potrà essere opera di gruppi congiunti; ma la ragione della fuga alla fine sarà per tutti la medesima: l’individuo, il suo potere personale e la sua facoltà di scegliere il proprio destino.

Levate in alto le vostre torce. Sebbene non sembri così importante, quelle sono le fiamme al cui calore evaporerà il collettivismo. E’ sempre andata così, e lo farà ancora.

Furono proprio i grandi pensatori e scrittori europei ad affermarlo a chiare lettere: la libertà esiste ed appartiene all’individuo, non al gruppo, non ad un’entità indistinta, né ad un collettivo; la libertà non è semplicemente una parola o un ideale fluttuante da agitare in aria come uno stendardo; è la piattaforma dell’anima da cui tutte le cose buone diventano possibili; è il punto di partenza di una vita; è il sangue che scorre attraverso il sogno di un futuro condiviso, un futuro migliore; è la sorella della responsabilità individuale.

Quando una coperta viene gettata sulla libertà, nessuno se ne accolla la responsabilità.

Questo è il motivo per cui così tante persone oggi fingono di non avere perduto la libertà. Perché non riescono ad assumersi le responsabilità che una simile presa di coscienza comporterebbe. Vorrebbero tutto in cambio di niente, e vorrebbero il diritto di spendere tutto, o bruciarlo, strapparlo, distruggerlo. E poi chiederne ancora.

Per lorsignori, i paesi dell’Europa sono solo luoghi. Luoghi facili da spremere.

Ma indipendentemente dalle circostanze, il nucleo centrale della contesa resta sempre quello: la liberazione dell’individuo da tutte le false speranze che lo hanno indotto a barattare la propria libertà in cambio della promessa di un’utopia.

Quell’illusione sta svanendo.

L’individuo, dovendo contare solo sulle proprie risorse, avrà bisogno di apprendere nuovamente le lezioni dimenticate. Dovrà riaccendere quell’energia. La sfida può essere tonificante e può risvegliare i corridoi dormienti dello spirito, laddove un tempo camminava il potere individuale.

E dove potrà camminare ancora.

Insoddisfazione e resistenza possono generare gioia. Una volta, tanto tempo fa, l’individuo ne era consapevole; poi scambiò quella coscienza per una dose sciropposa di New Age; ma adesso l’illusione sta svanendo. Ora l’individuo dovrà tornare ad essere fautore delle proprie imprese; del proprio destino.

Io dico che l’Europa risorgerà.

Tradotto da >>> https://jonrappoport.wordpress.com/2017/02/08/to-the-people-of-europe-who-still-believe-in-freedom/

● Gli U.S.A.: una colonia della Corona

Fonte goo.gl/G65fWj

Dopo che l’America ha dichiarato la propria indipendenza dalla Corona è stato firmato il trattato di Parigi, il 3 Settembre 1783. Quel trattato identifica il re cattolico di Inghilterra come principe degli Stati Uniti “Prince George III, per grazia di Dio, re di Gran Bretagna, Francia e Irlanda, difensore della fede, duca di Brunswick (Brunswick della Germania) e Lunebourg (Germania Lunebourg), tesoriere e principe eletto del Sacro Romano Impero (Chiesa cattolica), ecc, e degli Stati Uniti d’America” contraddicendo completamente la premessa che l’America abbia vinto la guerra di Indipendenza.

[L’articolo 5 di tale Trattato ha dato di nuovo tutte le proprietà britanniche, alla Corona – Chiesa cattolica… “It is agreed that Congress shall earnestly recommend it to the legislatures of the respective states to provide for the restitution of all estates, rights, and properties, which have been confiscated belonging to real British subjects; and also of the estates, rights, and properties of persons resident in districts in the possession on his Majesty’s arms and who have not borne arms against the said United States. And that persons of any other decription shall have free liberty to go to any part or parts of any of the thirteen United States and therein to remain twelve months unmolested in their endeavors to obtain the restitution of such of their estates, rights, and properties as may have been confiscated; and that Congress shall also earnestly recommend to the several states a reconsideration and revision of all acts or laws regarding the premises, so as to render the said laws or acts perfectly consistent not only with justice and equity but with that spirit of conciliation which on the return of the blessings of peace should universally prevail. And that Congress shall also earnestly recommend to the several states that the estates, rights, and properties, of such last mentioned persons shall be restored to them, they refunding to any persons who may be now in possession the bona fide price (where any has been given) which such persons may have paid on purchasing any of the said lands, rights, or properties since the confiscation. And it is agreed that all persons who have any interest in confiscated lands, either by debts, marriage settlements, or otherwise, shall meet with no lawful impediment in the prosecution of their just rights.”]
La Corona… È  il centro di potere finanziario mondiale è la “City State of London”, definito anche il miglio quadrato più ricco del pianeta, è la sede del cartello mondiale del denaro. La Corona ospita:
– La “Banca d’Inghilterra” controllata dai Rothschild
– Il Lloyds di Londra
– La Borsa di Londra
– Tutte le banche inglesi
– Le filiali di 384 banche estere
– 70 banche statunitensi
– Il giornale Fleet Street e monopoli editoriali
– Il quartier generale della Massoneria Mondiale
Non è parte né di Londra né dell’Inghilterra né del Commowealth britannico.

E’ sempre più evidente ai cittadini americani che il governo non agisce più in conformità con la Costituzione degli Stati Uniti o, all’interno degli Stati, secondo le costituzioni statali. Mentre le persone hanno riconosciuto per più di 150 anni che i ricchi e i potenti esercitassero un influenza sui singoli funzionari per fare in modo che una legislazione che favorisca i loro interessi sia approvata, la maggior parte degli americani ancora si aggrappa alla convinzione ingenua che tale corruzione sia eccezionale e che la maggior parte delle istituzioni della società, i tribunali, la stampa, e le forze dell’ordine, sono ancora in gran parte conformi alla Costituzione e alla legge. Si aspettano che queste forze corruttrici siano disunite e in concorrenza tra loro, in modo da bilanciarsi l’un l’altra.
Prove sempre crescenti rendono chiaro che la situazione è di gran lunga peggiore rispetto a quello che la maggior parte della gente pensa, che nel corso degli ultimi decenni la Costituzione degli Stati Uniti è stata effettivamente rovesciata e che ora è osservata solo come facciata per ingannare e calmare le masse. Ciò che l’ha sostituita è quello che molti chiamano il Governo Ombra (ved. Valdo Vaccaro qui) creato con il passaggio illegale della legge del 1871. L’esposizione di questo regime e le sue operazioni devono ora diventare un dovere primario dei cittadini che credono ancora nello Stato di diritto e nelle libertà che questo paese dovrebbe rappresentare.
Dal 1871 il presidente degli Stati Uniti e il Congresso degli Stati Uniti hanno giocato alla politica sotto un diverso insieme di regole e politiche. Il popolo americano non sa che ci sono due Costituzioni negli Stati Uniti. La prima è stata scritta dai leader dei nuovi Stati indipendenti degli Stati Uniti nel 1776. Il 4 luglio 1776, la gente ha sostenuto la loro indipendenza dalla Corona (autorità temporale del Pontefice Romano cattolico) ed è nata la democrazia. E per 95 anni, le persone degli Stati Uniti sono state libere e indipendenti. Tale libertà si è conclusa nel 1871 quando la costituzione originale “Costituzione per gli Stati Uniti d’America” è stata cambiata ne “LA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA”.
Il Congresso si è reso conto che il paese era in gravi difficoltà finanziarie, così ha fatto un accordo finanziario con il diavolo – la Corona (la corporazione della City of London – di proprietà della Chiesa cattolica) il 1 gennaio 1855 sono quindi incorsi in un debito verso il Papa. Il connivente Papa ed i suoi banchieri non avrebbero dato soldi alla nazione senza alcune serie garanzie. Così, hanno escogitato un modo per riprendere il controllo degli Stati Uniti e, quindi è stata approvata la legge del 1871. Senza l’autorità costituzionale per farlo, il Congresso ha creato una separata forma di governo per il Distretto di Columbia.
Con l’approvazione della “legge del 1871″ fu costituita una città-stato (uno stato nello stato) chiamata Distretto di Columbia adagiata su 10 chilometri quadrati di terreno nel cuore di Washington con una propria bandiera e una propria costituzione indipendente – la segreta seconda costituzione degli Stati Uniti.

La bandiera del Distretto di Washington di Columbia ha 3 stelle rosse, ognuna simboleggia una città-stato all’interno dell’impero delle tre entità:
1. Washington DC (DC sta per District of Columbia)
2. Corporazione della City of London
3. Città del Vaticano
anche se geograficamente separate sono un impero interconnesso chiamato “L’Impero della City”. La corporazione della City of London è il centro aziendale delle tre città e controlla il mondo economico, Washington DC è responsabile del potere militare e il Vaticano controlla tutto con il pretesto di una guida spirituale.
La costituzione del Distretto di Columbia opera sotto il diritto tirannico Vaticano conosciuto come “lex fori” (legge locale). Quando il Congresso ha approvato illegalmente l’atto del 1871 ha creato una società nota come gli Stati Uniti e una forma separata di governo per il District of Columbia. Questo atto ha illegittimamente consentito al Distretto di Columbia di operare come società al di fuori della costituzione originaria degli Stati Uniti e in totale sprezzo degli interessi dei cittadini americani.
Che cosa ha fatto la legge del 1871? L’ACT del 1871 ha posto di nuovo gli Stati Uniti sotto il dominio della Corona (che significa sotto il dominio del Vaticano). Il popolo degli Stati Uniti ha perso la propria indipendenza nel 1871.
LA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA è la costituzione degli incorporati STATI UNITI D’AMERICA. Ha capacità economica ed è stata utilizzata per ingannare le persone a pensare che essa governa la Repubblica. Non è così! La capitalizzazione NON è insignificante se si fa riferimento ad un documento legale. Questa alterazione apparentemente “minore” ha avuto un forte impatto su ogni successiva generazione di americani. Ciò che il Congresso ha fatto approvando la legge del 1871 è stato creare un nuovo documento, una costituzione per il governo del Distretto di Columbia, un governo incorporato.
Invece di avere diritti assoluti e inalienabili garantiti dalla Costituzione, Noi, il Popolo, ora abbiamo diritti e privilegi “relativi”. Un esempio è il diritto sovrano (del popolo) di viaggiare, che ora è stato trasformato (nel quadro della politica di governo aziendale) in un “privilegio” che richiede che i cittadini siano autorizzati – licenze e passaporti di guida. Approvando la legge del 1871, il Congresso commette TRADIMENTO contro il popolo che era Sovrano sotto le sovvenzioni e i decreti della Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione organica. La legge del 1871 è diventata il fondamento di ogni tradimento in quanto commesso da funzionari governativi.
A partire dal 1871 gli Stati Uniti non sono una Nazione; Si tratta di una Corporazione! In preparazione al saccheggio dell’America, le marionette del sistema bancario della cabala del papa cattolico di Roma avevano già creato un secondo governo, un governo ombra progettato per gestire ciò che “il Popolo” credeva fosse una democrazia, ma in realtà erano Stati Incorporati. Insieme questa chimera, questo mostro a due teste, hanno tolto al “popolo” tutti i diritti di sui juris. [alla propria sovranità]
Gli U.S.A. sono una colonia della Corona. Gli Stati Uniti sono sempre stati e rimangono una colonia della corona (il Papa cattolico romano). Re Giacomo I, non è solo famoso per la traduzione della Bibbia “La Versione di Re Giacomo”, ma per la firma della “Prima Carta della Virginia” nel 1606 – che ha concesso agli antenati inglesi dell’America la licenza di stabilirsi e colonizzare l’America. La Carta ha garantito che in futuro la Corona Inglese avrà autorità sovrana su tutti i cittadini e le terre colonizzate d’America.

● La difesa comune €uropea servirà a…

…reprimere il dissenso e a fortificare il pensiero unico dominante (di Giuseppe PALMA).

 

Tutti parlano di maggiore integrazione europea.
Tutti che, con la scusa di difendere il vecchio continente dal terrorismo islamico, invocano l’esercito unico europeo e quindi l’ulteriore ed illegittima cessione di sovranità anche in campo militare.

La verità è un’altra: la cosiddetta “difesa comune” servirà solo a REPRIMERE i dissidenti e le voci contrarie al crimine dell’€uro, in modo tale che esista una voce sola: il pensiero unico dominante. Chi difenderà la Costituzione sarà considerato un sovversivo. 
Come sostenne Altero Spinelli nel tanto osannato Manifesto di Ventotene, il passaggio dalle Nazioni all’Europa unita si avrà attraverso un processo anti-democratico, cioè con sospensione dei processi democratici.
Ed è quello che sta avvenendo dal 1992 in avanti. E con particolare “violenza” dal 2011 in poi.

Se ad uno Stato togli la moneta e la difesa, togli l’essenza stessa di essere Stato. I grossi gruppi finanziari divengono i veri detentori della sovranità, disponendo della vita e della morte sia delle Istituzioni che di ciascun singolo individuo.
Se non dovesse rinascere un sano patriottismo costituzionale, la nostra classe politica – già da decenni totalmente asservita al capitale internazionale – svenderà anche gli ultimi residui di Sovranità.

Con l’esercito comune europeo, tanto per capirci, il soldato tedesco reprimerà il dissenso in Italia e viceversa. Con la particolarità che entrambi non risponderanno ad organismi eletti direttamente dal popolo (in assenza di qualsivoglia controllo democratico), bensì alla Commissione europea e alla Bce.